LA STREGA BUONA DI BIANCANEVE

Il modo di vedere una determinata cosa è doppio: buona o cattiva, calda o fredda, bianca o nera; oppure una volta buona l’altra cattiva, una volta calda l’altra fredda, una volta bianca l’altra nera.

Dalla notte dei tempi, a memoria d’uomo, le favole più conosciute sono sempre state interpretate da un unico punto di vista. Nel caso di Biancaneve, la giovane e buona principessa è minacciata dalla matrigna che vuole impedirle di vivere felice e spensierata.

Pixabay

La lettura del simbolo è chiara ma incompleta, perché se è stata utile a molte donne per rintracciare nella strega, la figura interiore o esteriore ostacolatrice della propria realizzazione, ha comunque contribuito a perpetuare un’educazione gestita da un orientamento esclusivamente maschile che ha negato il punto di vista femminile, cancellando del tutto la tradizione del suo insegnamento di cui non è rimasta alcuna traccia.

Ne parla con assoluta precisione Miranda Gray nel suo libro, uscito nei primi anni novanta, LUNA ROSSA, edito oggi da MACRO EDIZIONI.

L’opera, sempre attuale, lo è ancora di più perché stiamo assistendo non solo ad una stasi nel riconoscimento e nel rispetto dei valori femminili, ma ad un vero e proprio arretramento culturale. Nel contesto dell’ampio studio della tradizione femminile, che prende in considerazione la reinterpretazione di miti e narrazioni folkloristiche, l’archetipo della matrigna/strega assume tutto un altro significato.

Uno dei più comuni archetipi, presente in molte culture, è quella dell’energia femminile universale, o “Grande Dea”. Spesso questa immagine era rappresentata con tre figure femminili che, a loro volta, rappresentavano i cicli vitali di tutte le donne: la Vergine, la Madre e la Vecchia, o Strega […] Nella favola di Biancaneve, l’aspetto oscuro del femminile è rappresentato dalla Regina, che è una maga cattiva, e quello positivo da Biancaneve, che è una ragazza vergine, buona e bella. Nella versione originale, la regina è descritta come una donna bella e matura, col pieno possesso dei suoi poteri magici femminili. Travestita da vecchia, offre a Biancaneve una mela che è avvelenata dalla parte rossa: un colore significativo. La regina ha qui il ruolo dell’iniziatrice: distrugge la bambina ed offre i poteri mestruali con la mela rossa.

La narrazione e la spiegazione seguono …

La favola racconta il primo rito di passaggio, dove vediamo la bambina diventare donna, ma soprattutto ci illumina sull’aspetto distruttivo – la strega – perché nulla può nascere se qualcos’altro non muore, e questa dinamica comprensione si può avere solo grazie alla visione ciclica del femminile, che Miranda Gray illustra nel testo con ricchezza di dettagli.

Da qui si possono aprire profondissime e numerose riflessioni.

In ultima analisi, appare evidente che la donna deve ritrovare e recuperare il suo antico Insegnamento per equilibrare nel mondo le energie femminili e maschili, e deve farlo per sé stessa e per l’uomo, l’altra metà del Cielo … E della Terra.

© 2021

L’importanza di essere una zia …

In viaggio con la zia scritto da Graham Greene nel 1996 e pubblicato recentemente da Sellerio riporta immediatamente alla memoria l’impareggiabile interpretazione di Maggie Smith nell’omonimo film. Il romanzo è una serie intelligente e divertente di sketches legati fra loro dalle tappe di un viaggio intrapreso alla ricerca – per il nipote – di una … Continua a leggere L’importanza di essere una zia …

Pensiero d’estate n.11

La parola REALIZZAZIONE – realtà in azione – significa portare alla realtà tutte quelle immagini che abitano il mondo del sogno, della fantasia, dell’ispirazione rivestendole del nome che le rappresenta. Il nome offre loro un’identità con la quale possono dimostrare la forza della loro esistenza e il carattere che le sostiene. Alla realizzazione si arriva … Continua a leggere Pensiero d’estate n.11

Pensiero d’estate n.10

La parola CULTURA significa Culto del Sole. Il sole proietta la luce sui tesori abbandonati, da tempi immemorabili, nel buio dell’ombra. Illuminandoli, li anima e li fa risplendere ed è per questo che l’espressione della loro azione si realizza come CULTURA. ©2022 PERCORSI DI SCRITTURA & CREATIVITA’

Un pensiero riguardo “LA STREGA BUONA DI BIANCANEVE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...