Pagina di poesia, Silvia Vecchini

Silvia Vecchini racconta lo scandire dei giorni dilatati dai significati che li accompagnano. Maestra dell’ascolto, dello stupore che gusta il momento, della parola offerta con grazia che entra in punta di piedi nel magico mondo del bambino,  in quell’incanto che forse, si vorrebbe sperare, apparterrà pure all’adulto, se non ne avrà dimenticato la freschezza nell’archivio del passato.

Gli avvenimenti, che si fanno grandi fino ad occupare lo spazio del cuore, sono dolci e teneri pur nella caducità di un finale che si ripete ma già con l’intenzione di aprire un altro inizio.

Il sapore della vita è fragrante come il colore che tinge di sensazioni le immagini e spiega meglio e di più il codice che imprime nell’anima la potenza dell’esperienza.

C’è nell’ultimo boccone di calma,

nella scolatura dei giorni

una felicità perfetta:

ancora una settimana di sole

un bagno, un giro scalzo in bicicletta,

l’altalena in piedi –

la scuola è dietro l’angolo

ma ancora non la vedi.

Nell’aria trasparente una luce d’oro:

l’inizio di settembre è zucchero

nel fondo del bicchiere,

dell’estate l’ultimo tesoro.

POESIE DELLA NOTTE, DEL GIORNO, DI OGNI COSA INTORNO, Silvia Vecchini e Marina Marcolin, TOPIPITTORI

Sono parole semplici quelle usate da Silvia Vecchini ma sanno destare un’inestinguibile gioia di vivere.

L’autrice è nella terzina finalista al Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2021 con l’opera PRIMA CHE SIA NOTTE, Bompiani.

© 2021

L’importanza di essere una zia …

In viaggio con la zia scritto da Graham Greene nel 1996 e pubblicato recentemente da Sellerio riporta immediatamente alla memoria l’impareggiabile interpretazione di Maggie Smith nell’omonimo film. Il romanzo è una serie intelligente e divertente di sketches legati fra loro dalle tappe di un viaggio intrapreso alla ricerca – per il nipote – di una … Continua a leggere L’importanza di essere una zia …

Pensiero d’estate n.11

La parola REALIZZAZIONE – realtà in azione – significa portare alla realtà tutte quelle immagini che abitano il mondo del sogno, della fantasia, dell’ispirazione rivestendole del nome che le rappresenta. Il nome offre loro un’identità con la quale possono dimostrare la forza della loro esistenza e il carattere che le sostiene. Alla realizzazione si arriva … Continua a leggere Pensiero d’estate n.11

Pensiero d’estate n.10

La parola CULTURA significa Culto del Sole. Il sole proietta la luce sui tesori abbandonati, da tempi immemorabili, nel buio dell’ombra. Illuminandoli, li anima e li fa risplendere ed è per questo che l’espressione della loro azione si realizza come CULTURA. ©2022 PERCORSI DI SCRITTURA & CREATIVITA’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...