Pagina di poesia, Silvia Vecchini

Silvia Vecchini racconta lo scandire dei giorni dilatati dai significati che li accompagnano. Maestra dell’ascolto, dello stupore che gusta il momento, della parola offerta con grazia che entra in punta di piedi nel magico mondo del bambino,  in quell’incanto che forse, si vorrebbe sperare, apparterrà pure all’adulto, se non ne avrà dimenticato la freschezza nell’archivio del passato.

Gli avvenimenti, che si fanno grandi fino ad occupare lo spazio del cuore, sono dolci e teneri pur nella caducità di un finale che si ripete ma già con l’intenzione di aprire un altro inizio.

Il sapore della vita è fragrante come il colore che tinge di sensazioni le immagini e spiega meglio e di più il codice che imprime nell’anima la potenza dell’esperienza.

C’è nell’ultimo boccone di calma,

nella scolatura dei giorni

una felicità perfetta:

ancora una settimana di sole

un bagno, un giro scalzo in bicicletta,

l’altalena in piedi –

la scuola è dietro l’angolo

ma ancora non la vedi.

Nell’aria trasparente una luce d’oro:

l’inizio di settembre è zucchero

nel fondo del bicchiere,

dell’estate l’ultimo tesoro.

POESIE DELLA NOTTE, DEL GIORNO, DI OGNI COSA INTORNO, Silvia Vecchini e Marina Marcolin, TOPIPITTORI

Sono parole semplici quelle usate da Silvia Vecchini ma sanno destare un’inestinguibile gioia di vivere.

L’autrice è nella terzina finalista al Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2021 con l’opera PRIMA CHE SIA NOTTE, Bompiani.

© 2021

Il dono dell’OBLIO

La solitudine, il buio, il silenzio. Nessun altro se non sé stesso in cui cercare conforto e risposte. Escluso il diario di bordo e i manuali tecnici per il funzionamento di qualsiasi impianto, l’assenza pervade ogni anfratto e accoglie ogni respiro. Ma cosa è successo ad Aykors Crumb, protagonista coraggioso ma spaventato, che si sveglia…

Se devo essere una mela

Ogni romanzo ha una chiave di lettura che apre nel mondo del lettore tante porte e tutte diverse. Si potrebbe pensare che l’opera di Emma Saponaro, Se devo essere una mela – Les Flaneurs Edizioni, racconti la liberazione di una donna da una relazione tossica. Sì, certo lo è, ma non solo questo. È altro,…

Una favola per l’anno nuovo

Più che dalle cronache riportate dagli storici, la storia dell’umanità è raccontata dalle leggende e dalle fiabe, dal loro magico potere di fermare con le immagini le rivelazioni che hanno sempre saputo suscitare. Ognuno ha una fiaba o una favola che ama particolarmente e dalla quale sente, in qualche modo, di essere rappresentato, e tutte…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...