PROVA SCRITTA

Il bianco del foglio invita al flusso espressivo e proietta immagini che si affollano nello spazio della mente pressando le une sulle altre per raggiungere per prime la pagina della loro liberazione, dove raccontare, spiegare e chiarire le ispirazioni che le accompagnano.

PIXABAY

Il foglio bianco accoglie i pensieri rappresentati dapprima da ordinati segni grafici che si modificano gradualmente in disordinati ghirigori.

Cancellazioni, sottolineature e riprese disegnano il campo di battaglia delle parole che si cercano e si negano, si soddisfano e si rabbattano. 

È la prova scritta.

La verifica di una competenza, l’attestazione di una maturità prima interiore e poi esteriore.

È un dono. L’offerta data dai più semplici strumenti – la carta e la penna – che ci permettono di trovare in profondità quella capacità di raccogliere le idee per organizzare il pensiero e per esprimere un sentimento che sarebbero rimasti, senza il prezioso esercizio della scrittura, nel caos, totalmente inespressi e quindi sconosciuti.

La Prova Scritta seleziona conoscenza ed esperienza, manifesta la ricchezza delle proprie risorse e condivide con il mondo il vissuto personale creando ponti di comunicazione.

Messaggini, la tenerezza di scambiare piccole cose

Sommersi da cuoricini, bacini e fiorellini, ci riappropriamo di quella tenerezza puerile che altrove neghiamo. I messaggini regalano la tolleranza per qualcosa di apparentemente banale che ricorda le attese infantili, le risate stupide di cui andare a caccia. Che poi, dietro all’innocente ossessione di cuoricini, bacini e fiorellini ci siano business e calcoli algoritmici che sfruttano … Continua a leggere Messaggini, la tenerezza di scambiare piccole cose

QUELLO CHE SEI

Sentirsi come una ragazzina e non sapere perché. È lo specchio, che ti rimanda l’immagine di una signora di una certa età, a dirti che non hai vent’anni. È la didascalia che accompagna la foto di un’azienda innovativa, dove lavorare è meraviglioso, a specificare con orgoglio che i dipendenti sono tutti sotto i trentacinque anni, … Continua a leggere QUELLO CHE SEI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...