Il mondo che si crea ogni giorno

lbauntitledAttimo dopo attimo e giorno dopo giorno, emozioni e pensieri vestono il volto umano di un colore o di un altro, scolpendo l’espressione abituale con tratti dalle linee morbide quando a prevalere sono le variazioni seppure impercettibili dell’atteggiamento mentale, dalle linee marcate quando l’attitudine è fissa nelle teorie di un credo personalistico.
Eppure, basterebbe poco per evadere dalla prigionia della teoria personale fine a sé stessa, e scoprire quel potenziale di elasticità culturale, a nostra disposizione, in grado di attivare la più grande creatività.
La genialità di Marcel Proust illumina lo scenario di questo vasto orizzonte

“Il mondo non è stato creato all’inizio, esso si crea ogni giorno”

Alla ricerca del tempo perduto – La fuggitiva

 

Accantonando qualsiasi riflessione filosofica, teologica e scientifica e focalizzando invece l’attenzione sul presente di ogni donna e di ogni uomo, inquieti senza apparente ragione ma aperti all’accoglienza di una vita migliore, le parole di Proust – che come nessuno sa dosare la dolcezza per scuotere la coscienza – ci dicono che si può. Semplicemente si può cambiare, migliorare, creare e realizzare i propri sogni e sé stessi.
Nel mondo interiore – il luogo dove tutto accade – nulla è stabilito così come è per sempre.

L’evoluzione, oltre al libero arbitrio, affranca l’uomo dalla condanna del soggetto passivo per raccontargli del mondo e della sua perenne trasformazione e per insegnargli che in ogni istante della vita, una porta si apre.
Sta a noi la decisione di varcarla.

 

2 pensieri riguardo “Il mondo che si crea ogni giorno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...