Gli occhi dei gatti

Ci sono parole che non hanno suono, ma che si fanno sentire attraverso la corrente impercettibile che passa nello sguardo di chi è complice. L’energia che scorre da un essere all’altro cavalca canali invisibili agli estranei e salda accordi del cuore, come nessuna parola, e ancora meglio, come nessun contratto potrebbe mai fare.

20150925_175437

Chiamiamolo amore, se vogliamo. Un amore però che non scende nel sentimentale, che non conosce idea di possesso, che non chiede dichiarazioni e conferme. Un amore che è uno stile di vita e un vivere la vita con stile, e con l’eleganza della naturalezza.

Sappiamolo rivolto alla vita in ogni sua espressione, libero dai legacci dell’identificazione e dell’opinione, del giusto e dell’ingiusto.

Platone, nel Simposio, fa raccontare ad Agatone della bellezza e della forza del dio Eros, il più tenero degli esseriche stabilisce la sua dimora nel carattere e nell’anima degli dei e degli uomini – della sua moderazione, della sua libertà e del suo alto senso di giustizia.

Il punto più importante è che Eros non fa ingiustizia né la subisce, né da un dio né a un dio, né da un uomo né a un uomo.

Forse dell’amore non sappiamo nulla o se sappiamo qualcosa è insufficiente e dovremmo magari inventarlo di nuovo. Potremmo ripartire dallo sguardo, dagli occhi e da occhi lontani da noi, avvolti nel mistero e nell’imponderabile,  misteriosi e imponderabili come gli occhi dei gatti.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...